L’attesa del piacere è essa stessa il piacere

Sapete quando a Natale sotto l’albero è pieno di regali e i bambini, e non solo, sono così impazienti di scartarli da svegliarsi anzitempo e bruciare un po’ di tappe della scaletta natalizia? Gli animali sono in fondo un po’ come i bimbi e anche loro vivono con grande impazienza il momento in cui riceveranno un dono, soprattutto se quel dono è qualcosa di buono da mangiare.

Si avvicina Natale ed è un buon momento secondo me per parlare di doni e di premi….

E più precisamente, di premi sotto forma di cibo che possiamo dare al cavallo quando lavora bene o fa qualcosa che gli viene richiesto. Il buon addestramento di un cavallo dovrebbe essere impostato utilizzando due strade ben rodate, quella dei rinforzi positivi e dunque dei premi in risposta ad un esercizio ben eseguito, e quella dei rinforzi negativi. Per rinforzi negativi naturalmente non si intendono metodi coercitivi o violenti, ma sistemi in cui si mette il cavallo nella condizione di sfuggire da una pressione a lui sgradevole per “accompagnarlo” a fare quello che gli richiediamo. Essendo in natura i cavalli animali da preda, sono purtroppo più ricettivi ai rinforzi negativi e per questo molti ne abusano deviandone il significato su metodi coercitivi inutilmente violenti per il cavallo, sia fisicamente che psicologicamente. Il “rinforzo negativo” è qualcosa di ben più sottile che soli i cavalieri più esperti sono in grado di mettere in atto nella maniera giusta.
Ma è invece sui rinforzi positivi, e in particolare sulle golosità da offrire come premio al cavallo, su cui mi piacerebbe concentrarmi. Spesso la ricompensa sotto forma di cibo viene denigrata o banalizzata, quando invece rimane il metodo migliore per mantenere viva l’attenzione del cavallo, anche quando lavora. In molte occasioni ho ribadito quanto sia importante mantenere vive molte delle emozioni che il cavallo può provare, per fare in modo che rimanga sereno, allegro e felice di condividere con noi tempo e “avventure” equestri. Tra queste emozioni una di fondamentale importanza è quella dell’anticipazione, un emozione forte ed estremamente positiva che il cavallo prova nell’attesa di ricevere qualcosa di buono o di bello.

Avete presente l’impazienza che i cavalli in scuderia dimostrano rumoreggiando quando arriva l’ora di mangiare e cominciano a sentire i tipici rumori del carrello e del mangime che cade nelle mangiatoie?

Ecco, nel tempo che ci vuole perché realizzi cosa sta per capitare e il momento in cui arriva il suo turno, ogni cavallo prova questa emozione che è molto bella e lo aiuta a mantenersi vitale e allegro. In molte scuderie, purtroppo, quella è davvero una delle pochissime emozioni che gli è dato provare, perché ore di libertà al paddock non sono concesse e neanche nessuna possibilità di interazione con i propri simili.
Per questo è importantissimo, che anche i cavalli che per una qualche ragione devono saltare il pasto, non vengano superati dal carrello del mangime senza ricevere nulla, perché la delusione che ne scaturisce è molto più seria e frustrante di quanto si creda. Bastano 2 carote o un pugnetto di mangime per far si che questo non avvenga.
Ci sono cavalli che provano questa stessa emozione dell’anticipazione quando stanno per entrare in campo gara o stanno per partire in un percorso di cross o, magari, prima di uscire al paddock se stare fuori gli piace moltissimo.
Mi rallegra sempre sentire da casa i cavalli in scuderia già chiamare e agitarsi molto presto al mattino, quando si rendono conto che siamo svegli e nel giro di poco saremo lì per dargli da mangiare. 

E allora come possiamo sfruttare al massimo questa emozione così importante per il cavallo?

Ci sono studi importanti di etologi francesi che dimostrano come sul lavoro i cavalli che sono abituati a ricevere premi sotto forma di cibo, siano molto più attenti al cavaliere e al tipo di lavoro che gli viene richiesto di altri cavalli che non ricevono mai alcuna forma di appagamento. Ed è stato anche dimostrato come la cosa buona da mangiare sia molto più efficace di qualunque altro tipo di “premio”, come ad esempio grattarlo nei punti più gli piacciono o fargli una semplice carezza.
Coccole si, ma la soddisfazione del palato viene comunque sempre al primo posto per la maggior parte dei cavalli.

L’attenzione è decisamente l’elemento chiave nel processo di apprendimento e di memorizzazione del cavallo sportivo, soprattutto in età giovanile, e quindi l’aumento di attenzione dato dall’attesa di ricevere qualcosa che lo appaghi, può spiegare il motivo per cui quando si utilizzano delle ricompense sotto forma di cibo il cavallo impara più velocemente. 

I cavalli però non si sottomettono perché gli date un premio da mangiare e certamente non fanno qualcosa che non vogliono fare a causa di quello, ma aspettarselo è uno stimolo in più per mantenere viva la concentrazione e assecondare il più possibile il proprio cavaliere. Certo, come tutte le cose vanno fatte con la testa, quindi distribuire dalle tasche “premietti” di ogni genere senza che il cavallo faccia nulla per meritarseli, é veramente un grosso errore. Sicuramente perché il cavallo non assocerà il premio ad un suo comportamento corretto e quindi il beneficio viene completamente perso, e poi perché esiste il rischio che il cavallo cerchi poi di recuperare qualcosa da mangiare da qualunque mano gli passi vicino alla bocca, rischiando di mordere involontariamente l’ignaro mal capitato.

Quindi una carota o qualunque cosa di ghiotto è un rinforzo positivo di facilissima attuazione, che può diventare un vero e proprio strumento di lavoro per chi con i cavalli ci deve trattare quotidianamente. Io stessa ne approfitto spesso di questa dolce “arma” quando devo far associare ai cavalli ricoverati qua in clinica che le terapie che gli sto facendo sono qualcosa di positivo per loro, nulla di cui devono temere. Non conoscendo cosa gli sto facendo le prime volte si mettono sulla difensiva ma, con il passare dei giorni, con la mia tecnica diventano contenti di farle, proprio perché si attiva per loro il principio di anticipazione di cui abbiamo parlato prima.
Sfrutto moltissimo la potenza di una carota, che spesso da sola è in grado di spostare un bestione di oltre 5 o 6 quintali. (altro…)

2 commenti

Caldo e insetti: è un dovere proteggere i nostri cavalli

Maschere insetti

Con la primavera e l’estate andiamo incontro al periodo più difficile per i cavalli perché in posti circondati dal verde, come può essere il nostro, oltre a dover combattere con il caldo estivo, si trovano ad essere preda di svariati insetti, che non gli danno pace. Soprattutto i nostri cavalli sportivi, nati e cresciuti nella bambagia e accuditi in scuderia, quando si ritrovano a dover combattere con moscerini, mosche e, quando inizia il caldo afoso, anche con i tafani, possono andare incontro ad enormi problemi.

E allora che fare?

Sicuramente non bisogna farsi prendere dal panico e rinchiudere i cavalli nei box tutto il giorno, ma si deve trovare il sistema per proteggerli dagli insetti, sia dentro la scuderia che soprattutto all’esterno. Vi ho parlato anche di interno, perché a differenza di quello che si può credere, in alcuni periodi dell’anno, quando ancora non fa tanto caldo, mosche e moscerini possono trovarsi addirittura meglio all’interno della scuderia e, in quel caso, diventa importante proteggere il cavallo anche quando è nel box.
Naturalmente la quantità di insetti e la loro aggressività dipendono soprattutto da 2 fattori:

  • La località in cui ci si trova e le condizioni atmosferiche: soprattutto caldo e umidità
  • I diversi orari della giornata: di notte e quando è nuvoloso la situazione per i cavalli è migliore

Qui in clinica già da marzo ci troviamo costretti a proteggere i cavalli dai moscerini (che ormai vivono addirittura fino a Novembre inoltrato), con maschere che coprono sia occhi che orecchie. I moscerini, anche se non hanno potenti pungiglioni e alla fine non fanno grandi danni ai cavalli, sono per loro comunque fastidiosissimi perché si infilano nelle orecchie e negli occhi senza dargli tregua. Non hanno bisogno di temperature molto alte per vivere, per questo sopravvivono anche in autunno quando noi abbiamo già bisogno di golf e giacche pesanti. Per altro, quando gli inverni sono miti, in primavera sono più allegri e rigogliosi di sempre. Noi qui li odiamo davvero perché nei periodi in cui i cavalli starebbero benissimo al paddock, perché le temperature sono molto gradevoli e c’è tanta erba da mangiare, loro arrivano e ci rovinano la festa.

Ma ormai ci siamo attrezzati e sappiamo come proteggere al meglio i nostri cavalli.

Non bisogna mai, infatti, dimenticarsi di metterli fuori con maschere di rete che coprano, appunto, orecchie e occhi. Anche se gli occhi sono umidi e attraggono tantissimi insetti, la cosa più importante in realtà è coprire le orecchie perché i cavalli diventano matti quando sentono gli insetti che gli ronzano intorno, perciò non comprate maschere che coprono solo gli occhi (in commercio ce ne sono diverse), perché in realtà non servono a molto.

Quando devono proteggersi dagli insetti i cavalli continuano a sbattere la testa e corrono in maniera stupida, rischiando di perdere i ferri e di farsi inutilmente del male. Per altro, tralasciano di mangiare e non si godono minimamente il meritato tempo libero al paddock. Quando poi arriva il periodo più caldo, dove oltre ai fastidiosi ma innocui moscerini si aggiungono tafani e zanzare, una maschera per gli insetti può non essere sufficiente e, se si vuole dare qualche ora di libertà ai cavalli in sicurezza, bisogna alzarsi presto al mattino per metterli fuori nelle prime ore della giornata, addirittura prima delle sette.
Da noi, in piena estate, la giornata “tipo” dei cavalli ricoverati viene un po’ stravolta, perché invece di concentrare le terapie al mattino presto, come facciamo abitualmente durante il resto dell’anno, cerchiamo di mettere i cavalli al paddock prima delle sei e mezza per poi fare le terapie all’interno della scuderia al loro rientro, dopo le 11 del mattino.

In questo modo sono tranquilla che tutti riescono ad avere qualche ora di tempo libero al paddock e che, quando arriva il momento di rientrare, sono contenti perché comincia a far caldo e gli insetti iniziano a risvegliarsi. È chiaro che la situazione “caldo + insetti” può cambiare a secondo della località in cui ci si trova, ma è sempre bene considerare che alla sera, generalmente, il problema più serio è dato dalle zanzare, ma tafani e moscerini “vanno a dormire”.
Finché non sorge il sole ed inizia a far caldo, la situazione per i cavalli è in genere più tranquilla.

_DSC0019

Se i cavalli adulti hanno bisogno della maschera, i puledri ne hanno bisogno anche di più, perché se devono trascorrere la giornata attaccati alla coda della mamma per farsi scacciare gli insetti, non riescono a muoversi e ad alimentarsi adeguatamente, rischiando di avere un periodo in cui non crescono quanto dovrebbero.
Per questo motivo da noi, nei periodi più caldi (luglio e agosto), fattrici e puledri stanno in scuderia nelle ore centrali della giornata ed escono al paddock di notte.
Noi qui siamo fortunati perché la recinzione che circonda la proprietà ci garantisce che, se malauguratamente un puledro dovesse uscire dal paddock, non può allontanarsi più di tanto.

decoration-mesh-fencing-with-mesh-horse-fence-click-on-image-11Se avete la necessità di creare un paddock sicuro dove lasciare i cavalli di notte potete “recintarlo” anche voi con della rete, in modo da essere sicuri che durante la notte non ci sia modo che i cavalli si allontanino. Anche di notte però mettiamo le maschere protettive sia alle fattrici che ai puledri, perché attraverso la maschera vedono comunque bene e hanno una protezione in più contro le zanzare, che di notte possono comunque infastidirli.

Negli anni ho visto molti allevamenti in cui fattrici e puledri erano fuori al paddock 24 ore al giorno senza uno straccio di maschera di protezione, e quando cercavo di capirne il motivo mi sono sentita spesso dire che i cavalli in natura non portano maschere. Questo non è del tutto sbagliato, anzi, sono 5 milioni di anni che non le portano, ma anche noi umani non abbiamo avuto le scarpe per non so quanti anni, ma appena le abbiamo scoperte non le abbiamo più lasciate.
Il progresso deve esistere anche per loro…
Non amo questi discorsi, perché spesso vengono fatti da persone che non hanno la volontà di vedere quanto possa essere fastidioso e debilitante per un cavallo vivere costantemente con una valanga di insetti che lo assalgono durante tutta la giornata. È chiaro che vivono lo stesso, certo non muoiono a causa di una stagione all’esterno con caldo e insetti, ma non stanno bene e di questo tutti devono esserne consapevoli. Per non parlare di quei cavalli che vengono messi al paddock improvvisamente, perché sono in età pensionabile o si sono infortunati, dopo magari una lunga carriera agonistica passata a vivere la maggior parte del tempo in un box riparato.

IMG_4594Non sono abituati e già fanno fatica ad adattarsi a vivere al paddock (cosa naturale, ma per loro abbastanza ignota), figuriamoci se, oltre a quello, vengono lasciati senza alcuna protezione dall’attacco di moscerini (per almeno 5 mesi l’anno), zanzare e tafani (spesso grossi come monete da 2 euro).
I nostri cavalli sportivi, sono stati allevati e selezionati per fare sport e dunque hanno perso quella rusticità che gli permetterebbe di affrontare qualsiasi condizione, anche le più avverse. Vi ricordo, comunque, che recenti studi hanno evidenziato come i cavalli che nascono e crescono bradi in natura, difficilmente superino gli 8 anni di età e che i nostri cavalli, spesso, arrivano anche a 30 anni e più. Questo grazie alle cure e alle attenzioni che gli rivolgiamo, anche in condizioni come quelle che abbiamo visto.
Sono sempre stata dell’idea che l’inverno è comunque per loro la stagione migliore ma, purtroppo, dobbiamo adattarci anche all’estate, escogitando tutti i sistemi per fargli patire il meno possibile il disagio legato al caldo e agli insetti .

IMG_4848Dato che in certe ore della giornata, nei periodi più caldi, anche in scuderia spesso sono infastiditi da moscerini e zanzare, io mi sono attrezzata anche con maschere di cotone che coprono solo le orecchie, lasciando liberi gli occhi. Il cotone con cui sono fatte le nostre maschere è resistente, non li infastidisce e soprattutto non li fa sudare. In questo modo garantisco loro una doppia protezione, all’esterno con maschere di rete e spray repellenti (scelgo sempre quelli naturali), e all’interno con le mie amate maschere di cotone che periodicamente mettiamo in lavatrice per averle sempre in ordine.

E chiaro che tutto questo richiede magari uno sforzo in più durante la giornata, soprattutto per chi ha scuderie con molti cavalli, ma le maschere di cotone possono star su anche tutto il giorno e se dovesse servire anche alla notte.

Vi raccomando di non lasciare mai un cavallo con la maschera che copre occhi e orecchie per più giorni consecutivi, senza verificare che gli occhi soprattutto, ma anche orecchie e naso non abbiano subito qualche incidente nel frattempo. Se devo lasciare qualche fattrice sempre a paddock guardo sotto alla maschera tutti i giorni, sbirciando dalla parte del naso.
Anni fa un mio cliente fece l’errore di lasciare su sempre la maschera ad una sua fattrice e quando la tolse, addirittura a fine stagione, si accorse che la cavalla aveva subito un brutto trauma all’occhio e che ormai era troppo tardi per intervenire. La cavalla purtroppo perse l’occhio e da allora avverto sempre tutti di stare molto attenti.

Dunque, proteggere i cavalli dagli insetti con maschere protettive ed eventualmente spray repellenti ci aiuta ad evitargli inutili stress grazie a questi benefici:

  • Possono, anche in estate, andare al paddock qualche ora nel corso della giornata.
  • Nelle ore più calde all’interno della scuderia sono tranquilli perché non sono infastiditi da moscerini e zanzare.
  • Nelle ore notturne patiscono meno le zanzare e quindi riposano meglio.
  • Sono più sereni, meno stressati e lavorano meglio.

IMG_4842Le maschere di rete che utilizziamo all’esterno, quelle che coprono occhi e orecchie, si possono comprare ovunque su internet e in tutte le sellerie, e ce ne sono di tutti i prezzi. Il prezzo spesso è più alto per le maschere più resistenti, quelle più economiche magari non reggono più di una stagione.

Se invece foste interessati alle maschere di cotone fatte artigianalmente che utilizziamo noi in scuderia (come quella verde della foto in alto), mandatemi una email a [email protected], così posso dirvi quanto costano e prendere, eventualmente, la vostra prenotazione. Le facciamo fare di diverse misure, da puledrini, per i cavalli piccoli, i pony e per cavalli più grossi (small, medium, large, xlarge).

Qui sotto troverete alcune maschere (acquistabili facilmente su Amazon) che mi piacciono perché, dopo averle provate qui in clinica, le ho trovate pratiche e resistenti.
Ricordate che con le maschere è importante non risparmiare troppo perché è facile che materiali e fattura non siano buoni e ci sia il rischio di averle rotte in pochi giorni.

0 Commenti
Adottare un cavallo in difficoltà: un ipotesi da considerare
Adottare un cavallo

Adottare un cavallo in difficoltà: un ipotesi da considerare

3Sabato scorso è stata una bella giornata, una di quelle giornate che ci fanno sentire migliori. Abbiamo fatto incontrate un cavallo che aveva bisogno di una famiglia, con una ragazza di buon cuore che è venuta a conoscerlo e se ne è subito innamorata, decidendo così di adottarlo. Ieri lo ha già portato nella nuova casa per ricoprirlo, spero, di attenzioni e affetto.
Ho sempre la brutta sensazione di non riuscire a fare abbastanza per aiutare i cavalli in difficoltà o che potrebbero trovarcisi nel giro di poco tempo, come succede purtroppo a molti cavalli quando a causa di un infortunio o dell’età, non possono più stare al passo con il lavoro che gli viene richiesto. Così, da diverso tempo, cerco di collaborare con associazioni che si occupano di aiutare questi cavalli, salvandoli dal macello o da una fine anche peggiore (dimenticati da una parte senza cure e spesso neanche cibo e acqua).

Ci sono cavalli, come quelli da corsa (purosangue e trottatori), che finiscono la loro carriera da atleti ancora giovani e avrebbero ancora moltissimo da dare a chi decide di prendersene cura. Trovare per loro una collocazione nuova, nelle mani di persone che davvero se li godono, è per me sempre motivo di soddisfazione e di gioia.

Io faccio il veterinario, la mia vita e il mio lavoro ruotano intorno ai cavalli sportivi, a cui devo garantire le cure migliori in modo che possano tornare velocemente alla loro carriera agonistica. Non posso eticamente essere contro all’utilizzo sportivo dei cavalli, anche se faccio di tutto perché la loro qualità di vita sia tutelata in tutte le maniere possibili. Utilizzare i cavalli a fini sportivi, come accade nell’ippica e nell’equitazione, è per molte persone una bella passione che gli permette di stare a diretto contatto con la natura e per molti un lavoro, per questo motivo non l’ho mai condannato, anzi… (altro…)

0 Commenti
Chiudi il menu
×
×

Carrello

Psicologia&Comportamento - 3 eBook GRATIS

Nei 3 eBook troverai:

  • Come si sono evoluti i cavalli nei secoli
  • Le caratteristiche dei cavalli moderni
  • Le loro necessità fondamentali
  • Come soddisfarle anche in scuderia
  • I problemi gestionali più comuni
  • Come ovviare alla maggior parte dei problemi fisici e comportamentali dei cavalli