Emergenze e farmaci: quali tenere a portata di mano

La gestione di un’emergenza in campo, sia che coinvolga uno o più cavalli, richiede sempre un intervento tempestivo da parte di chi è sul posto in quel momento, nell'attesa che…

0 Commenti

E…. quando una ferita non si può suturare?

I cavalli riescono a farsi male nei modi più assurdi e quando si feriscono è difficile che si facciano un taglietto da nulla.
Generalmente, sarà per la loro mole o perché hanno il vizio di allontanarsi a qualsiasi costo e troppo velocemente da ciò che li ha feriti, si infliggono lesioni serie, su cui bisogna intervenire tempestivamente per fare in modo che abbiano le migliori chance di guarire completamente. Spiegare in un unico articolo cosa c’è da fare quando un cavallo si ferisce seriamente non è semplice, ma vorrei comunque provare a raccontarvi il mio punto di vista e come generalmente affronto queste problematiche nella mia quotidiana pratica lavorativa. Poche linee guida che tutti possono comprendere e mettere in atto per salvaguardare il più possibile il cavallo e ottenere una buona guarigione della ferita.

Perché una ferita guarisca bene, infatti, è fondamentale agire subito nella maniera più pulita possibile. È dunque importante che, nell’attesa che arrivi il veterinario, sia il proprietario che chi ha in gestione il cavallo sappia intervenire nel modo più efficace.
Per prima cosa, se la ferita è fresca e sanguina ancora, bisogna agire in modo che l’emorragia si interrompa al più presto. Vi ricordo che, essendo in natura i cavalli animali predati, sono particolarmente suscettibili alla vista del sangue e che spesso è la paura che provano che li fa comportare in modo strano. Alcuni proprietari si spaventano a morte perché il loro cavallo alla vista del sangue si è paralizzato dov’era senza voler avanzare o reagire a nessuno stimolo.

Non preoccupatevi è normale, e una volta che il momento dell’emergenza è finito e il cavallo torna nel suo box, in genere tutto torna come prima.
Per fermare l’emorragia, se non sono interessati vasi più grossi da suturare, dovrebbe bastare  l’applicazione di acqua fredda corrente direttamente dalla canna e/o il tamponamento della parte con asciugamani sempre imbevuti di acqua fredda.

Una volta che l’emorragia è bloccata, bisogna lavare bene la ferita con acqua e sapone per eliminare terra e sporco. Se poi la zona lo permette (soprattutto se si tratta della zona più bassa delle gambe), si può fare una fasciatura provvisoria in modo da impedire una ulteriore contaminazione con lo sporco del pavimento e dell’ambiente. State attenti a non fasciare assolutamente con del cotone asciutto a contatto con la ferita perché lascia le sue fibre attaccate al tessuto, e poi toglierle diventa un problema.
La cosa migliore sarebbe mettere a contatto con la ferita delle garze, possibilmente sterili, alle quali si può sovrapporre del cotone garzato che assorba sangue e siero, tenuto in sede da una garza elastica tipo Vetrap non troppo tesa. Se non avete delle garze sterili non preoccupatevi, il cotone garzato si può lasciare tranquillamente a contatto con la ferita.

La figura del veterinario a questo punto è fondamentale, per fare un’attenta valutazione della ferita e impostare il più velocemente possibile una terapia antibiotica e antinfiammatoria (per la gestione dell’edema e del dolore), sempre indispensabile in questi casi, ed eventualmente anche una profilassi antitetanica. Scongiurare al massimo l’insorgenza del tetano, quando la ferita è brutta e fortemente contaminata da sporco e terra, per me è sempre una priorità, anche se il cavallo è stato regolarmente vaccinato, perché il tetano è una malattia a cui i cavalli sono molto suscettibili e che li porta quasi sempre a morte tra atroci sofferenze. Per questa ragione trovo che sia assurdo negargli una protezione in più, soprattutto se l’ultima vaccinazione è stata fatta già da qualche mese. Se il siero antitetanico non fosse disponibile, anche rivaccinare nuovamente il cavallo in quel frangente è comunque efficace, dato che la tossina tetanica responsabile della malattia si sviluppa più lentamente degli anticorpi vaccinali in grado di neutralizzarla.
Il veterinario chiamatelo comunque il prima possibile perché, se la posizione e il tipo di ferita lo consentono, dovrà suturare la ferita in modo da apporre i lembi vicini e farla così guarire più velocemente.
Se passano troppe ore dal trauma i tessuti si gonfiano e la sutura non si può più fare.
Oppure ferite in posizioni difficili o con poco tessuto sano a disposizione non si possono suturare perché i punti non terrebbero. Odio quelle volte che ci si da un gran da fare per cucire benissimo una ferita, mettere un bel drenaggio in modo che il gonfiore non interferisca sui punti, per poi vederli comunque saltare nel giro di pochissime ore. I cavalli andrebbero sempre tenuti confinati in box finché non c’è la guarigione, ma non si possono tenere completamente fermi e alcune ferite sono messe in posizioni così infelici che anche il minimo movimento nel box crea una pressione tale sui punti da non permettergli di tenere. (altro…)

0 Commenti
Chiudi il menu
×
×

Carrello

Psicologia&Comportamento - 3 eBook GRATIS

Nei 3 eBook troverai:

  • Come si sono evoluti i cavalli nei secoli
  • Le caratteristiche dei cavalli moderni
  • Le loro necessità fondamentali
  • Come soddisfarle anche in scuderia
  • I problemi gestionali più comuni
  • Come ovviare alla maggior parte dei problemi fisici e comportamentali dei cavalli