Caldo e umidità: lo stress da calore nel cavallo

Stress da calore nel cavallo

Lo stress da calore nei cavalli sportivi è un problema comune, reale e spesso sottovalutato da molti istruttori e cavalieri. Con il progredire della stagione estiva andiamo incontro a momenti di caldo notevole, che si accentua soprattutto nelle ore centrali della giornata. Nelle ore più calde i cavalli dovrebbero essere lasciati in box al fresco e non montati, anche se l’orario sarebbe per il cavaliere più congeniale, perché magari è la pausa pranzo o un momento in cui il telefono squilla meno e ci sono meno impegni di lavoro o familiari.
I cavalli sono animali, soffrono molto il caldo e questo va tenuto sempre presente.

Per questo motivo molti cavalieri e allenatori, per limitare al massimo lo stress legato alle alte temperature estive, si alzano molto presto la mattina e iniziano a lavorare i cavalli addirittura prima che sorga il sole. Ma spesso questo non è sufficiente, perché caldo e umidità creano in molti casi seri disagi al cavallo che possono sfuggire a occhi poco esperti.

Con il caldo bisogna montare nelle ore più fresche

Il metabolismo dei muscoli di un cavallo è molto attivo e più di metà dell’energia impiegata nell’attività muscolare e locomotiva di un soggetto in esercizio si converte in calore. Questo calore si accumula in grandi quantità proprio nei muscoli e, se non viene dissipato adeguatamente, induce una precipitazione delle condizioni fisiche.
Infatti, se un un cavallo si surriscalda eccessivamente, il fabbisogno metabolico di ossigeno può superare la quantità che la la respirazione mette a disposizione dell’animale, che entrerà così in una situazione di anaerobiosi (i muscoli non producono più energia sfruttando l’ossigeno), con una conseguente produzione di grosse quantità di acido lattico.

Cavallo stanco e sudato

L’accumulo di acido lattico nei muscoli crea dolore muscolare e stanchezza cronica grave.
Un esercizio protratto per ore o un esercizio ad alta intensità ma di breve durata, sono condizioni che mettono a dura prova l’abilità del cavallo nel gestire il calore interno che si è accumulato. La sudorazione è il primo meccanismo che viene messo in campo per abbassare la temperatura 

(circa il 70% per raffreddamento evaporativo), ma quando la temperatura interna  aumenta molto la sudorazione non è più l’unico meccanismo di dissipazione del calore e subentrano altri sistemi, come la respirazione.
La frequenza respiratoria aumenta notevolmente e, anche se non è così efficace come la sudorazione, riesce comunque a dissipare fino al 15% del carico di calore del cavallo.
Lo stress da calore o esaurimento da calore, che non va confuso con il colpo di calore (patologia molto grave che si sviluppa in un tempo molto più breve e può essere addirittura letale), è il risultato di questo surriscaldamento e di una perdita protratta di fluidi ed elettroliti durante uno sforzo fisico prolungato ed intenso. La temperatura ambiente alta e tassi di umidità sopra la media, non permettono all’organismo del cavallo di dissipare adeguatamente il calore che si sviluppa all’interno del corpo. I sistemi principali di abbassamento della temperatura corporea, la sudorazione e l’aumento della frequenza respiratoria, potrebbero risultare inadeguati se le condizioni atmosferiche non sono favorevoli e il cavallo non è stato adeguatamente preparato allo sforzo fisico richiesto.

Un cavallo con frequenza respiratoria alta che non si normalizza può avere un colpo di calore

Quando si rivela all’auscultazione, appena dopo il lavoro, una frequenza respiratoria più rapida di quella cardiaca, il cavallo viene definito in “inversione” e questo è un segnale molto preciso di un’elevatissima temperatura interna che l’organismo non riesce a dissipare correttamente.
Il clima caldo e umido non è l’unico fattore che contribuisce al manifestarsi del fenomeno dell’inversione, della disidratazione o degli altri segni da stress da calore. Un cavallo a cui vengono richieste performance eccessive rispetto alla sua preparazione fisica, genera un calore muscolare spesso eccessivo. Infatti, la forma fisica del cavallo è fondamentale perché questi processi fisiologici di gestione del calore siano efficienti.

Cavallo molto peloso anche in estate perché ammalato di sindrome di cushing

I cavalli che ai primi caldi hanno ancora il pelo invernale (spesso i cavalli con la Sindrome di Cushing fanno fatica a perderlo), sono a rischio di surriscaldamento. Questi cavalli, in primavera, appena le temperature si alzano e iniziano a sudare copiosamente, andrebbero tosati.
Per altro la persistenza e durata del processo di sudorazione durante un esercizio prolungato estenuante, porta ad una perdita 

continua di fluidi ed elettroliti con il conseguente sviluppo di un serio squilibrio elettrolitico e di una disidratazione anche grave. La disidratazione impedisce al cavallo di recuperare velocemente dopo uno sforzo fisico, e far sì che i parametri cardiaci e polmonari tornino nella norma in tempi ragionevoli. Quando la frequenza cardiaca rimane alta per un periodo di tempo che supera il quarto d’ora dopo lo stop dell’esercizio, significa che il cavallo non sta gestendo adeguatamente lo stress da calore accumulato durante lo sforzo e questo indica una sofferenza metabolica.
I cavalli con esaurimento da calore possono manifestare segni di sfinimento e quindi riluttanza al movimento, sudorazione profusa, testa bassa, pupille dilatate e aritmie cardiache, anche gravi.

Un’altra condizione che può indurre al cavallo uno stress da calore serio è un trasporto nella stagione calda in un van chiuso e poco areato. Anche il cambio di ambiente può essere una causa, se non viene dato al cavallo il tempo di adattarsi ad un nuovo clima. Infatti, se un cavallo viene portato verso climi più caldi senza un’adeguata preparazione e acclimatamento, anche se è in ottima forma fisica, potrebbe non riuscire a gestire le nuove condizioni ambientali e andare incontro ad uno stress da calore. Per questo motivo i cavalli che fanno gare ad alto livello e viaggiano spesso cercano, per quanto possibile, di spostarli un po’ di tempo prima della competizione. Se dovete spostare il cavallo dove c’è caldo e umidità a cui non sono abituati, dovete sempre avere molto riguardo e attenzione.

I trasporti nella stagione più calda richiedono un attenzione particolare

La maggior parte dei cavalli abituati a lavorare in determinate condizioni e climi impiegano, infatti, circa 3 settimane per acclimatarsi e trovare l’equilibrio nel posto nuovo, ma in molti casi dargli tutto questo tempo non è possibile così si cerca di controllare il problema somministrando ai cavalli integratori a base di elettroliti e facendogli dopo il lavoro delle flebo con i fluidi per controllare la disidratazione.

Cavallo da carrozza esausto

Non bisognerebbe mai portare un cavallo a sviluppare una condizione di stress da calore, perché questo può essere pericoloso sia per il cavallo che per il cavaliere: un cavallo sfinito puó non essere più in grado di controllare i suoi muscoli e di terminare correttamente l’esercizio, tanto da ritrovarsi in alcuni casi addirittura ad inciampare o addirittura cadere.

Nei casi più gravi, i cavalli con esaurimento per stress da calore che non vengono gestiti e trattati adeguatamente possono manifestare sintomi neurologici gravi come convulsioni e subire gravi danni fisici a cuore, muscoli e reni.

Hai trovato interessante questo articolo ?

allora ecco come puoi interagire con chi ha la stessa tua passione per i cavalli e l'equitazione
Vivaldi frost-2

Iscrivendoti al Blog

Se ti iscrivi al Blog entrerai nella mia mailing list e riceverai una email ogni volta che pubblicherò un nuovo articolo o un contenuto che può interessarti

Lasciando un commento

Mi piacerebbe sapere la tua opinione e se hai esperienze riguardo all'articolo da condividere con me e gli altri lettori

Condividendo l'articolo sui social

La condivisione crea dibattito che può' portare spunti di riflessione importanti per tutti quelli che hanno i tuoi stessi interessi

Condividi l'articolo

Cerca tra gli articoli l'argomento che ti interessa...

Chiudi il menu